Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Gig-economy, gli impatti dell’economia a chiamata sul mondo del lavoro

Dietro quei ragazzi che consegnano cibo in bicicletta o accompagnano persone in auto c’è un’economia dietro che necessita regolamentazioni per evitare sfruttamenti e soprusi. Si tratta della gig-economy, una forma di organizzazione che viaggia sulle piattaforme online e che si basa sul lavoro a chiamata.

Se fino a qualche anno fa la maggior parte dei lavoratori della gig-economy svolgevano l’attività saltuariamente, oggi è diventata una professione a tempo pieno. Con le restrizioni dovute al Covid 19, ristoranti e bar hanno sottoscritto contratti con compagnie di consegna per recapitare cibo ai propri clienti.  Nonostante sia aumentato il lavoro, i rider lavorano ancora in condizioni precarie e, inevitabilmente, stanno pagando di più le spese dei vuoti normativi.

L’ultima pronuncia al riguardo è la Proposition 22, referendum che si è svolto in California lo scorso 3 novembre e che ha riconosciuto gli autisti di Uber e Lync come lavoratori autonomi, spaccando in due il dibattito. Da una parte ci sono le multinazionali che intendono esportare il proprio modello di business nel mondo; dall’altra le associazioni e i sindacati che chiedono che i gig-workres vengano riconosciuti come lavoratori dipendenti.

Uber, principale promotrice del referendum, ha dichiarato di voler avanti con iniziative come la Prop 22, dialogando con i governi degli Stati Uniti e di tutto il mondo. Diversa la reazione del  California Labour Federation, sindacato con sede a Oackland, secondo cui il risultato dimostra lo strapotere delle multinazionali a svantaggio degli autisti e dei ciclofattorini. Ad oggi la California è l’unico stato a stelle e strisce in cui i gig-workers vengono inquadrati come autonomi. La nuova norma comunque prevede che le aziende appaltatrici come Uber e Lyft, sostengano contributi al collaboratore come l’assicurazione e i rimborsi medici.

In Europa c’è ancora molta frammentazione in materia, tanto che a seconda dei paesi sono considerati dipendenti o autonomi. In Italia Just Eat è il primo servizio di consegna che dal 2021 assumerà con un contratto di lavoro dipendente i riders, che passano alla paga oraria e non più a consegna. Quanto alle altre piattaforme, è in corso un tavolo di confronto tra Assodelivery (associazione che riunisce Deliveroo, Glovo, Uber Eats e Social Food), sindacati e Ministero del Lavoro, per trovare una soluzione definitiva al problema del lavoro rider ma ancora non si è arrivati a nessuna conclusione.

Alissia Casiglio
Written By

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Innovazione

Ecco qui una lista dei passi fondamentali per passare da una semplice startup ad una compagnia milionaria.

Innovazione

L’era del dominio di CocaCola presto finirà. Tra gli anni ‘40  e ‘50 possedeva più del 60% del mercato. Anche Pepsi dopo alcuni tentativi...

Privacy

La tua attività sui social media potrebbe impedirti di farti trovare un lavoro in modi che nemmeno ti potresti immaginare.

Comunicazione

Ecco quanto sono stata pagata da Youtube per il mio video da un milione di visualizzazioni. Ho cominciato a fare video su YouTube nel...