Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cultura

Impariamo dagli algoritmi

È il topic più caldo del momento e merita un importante battito fuori e dentro i teatri decisionali, sia per quello che sarà l’indirizzo programmatico a livello macro (nazionale e internazionale), ma anche per educare ogni singolo utente a un utilizzo sano di device, app e programmi che si fanno, di giorno in giorno, sempre più potenti.

La questione etica nasce in modo quasi naturale per mantenere l’essere umano al centro di questi importanti cambiamenti e favorire uno sviluppo autentico delle tecnologie, ma senza un dibattito in questo senso, portato avanti su tutti i livelli della società civile, il progresso rischia di rimanere meramente tecnologico.

Se la direzione quindi è quella di una AI altamente al di sopra della nostra capacità di comprenderla e governarla, a latere del dibattito sulle sue applicazioni e sull’impatto che queste possano avere (oppure già hanno) sulla vita e le relazioni quotidiane, c’è qualcosa degli algoritmi, del loro funzionamento, che può insegnarci qualcosa.

È ormai chiaro a tutti che, quando apriamo un social, il feed che andiamo a scrollare è tendenzialmente composto da quei post affini al nostro pensiero, ai nostri interessi, alle nostre attività e via dicendo.

Gli inaccessibili algoritmi, per farci restare il più possibile connessi, ci mostrano un mondo che ci piace, armonioso e organico rispetto alle nostre stesse preferenze. Di fatto, però, escludono il mondo reale che è, per definizione, eterogeneo. Di fatto ci isolano: fatto curioso per un social network.

Per chi langue comodamente nelle enclave social, il rischio è che si finisca per pensare che quello che scrolliamo sul nostro smartphone sia l’unico mondo esistente. Siamo tutti legati dalla stessa causa, ci piace quel tipo di musica o stile, siamo pro o contro un determinato governo e non manchiamo occasione per affermare il nostro pensiero col plauso del nostro piccolo seguito. Tuttavia le cose stanno diversamente. Quella è solo una parte della totalità diversificata che costituisce la società, e i social stessi.

Allora l’atto davvero innovativo è quello di comprendere non tanto il funzionamento dei famigerati algoritmi, quanto la loro logica, per uscire dagli schemi e conoscere l’altro. Perché i social network funzionano esattamente come la società: ci indirizzano verso ciò che è “giusto” (per noi), delimitano o nascondono ciò che pensiamo “sbagliato”.

Uscire da queste logiche significa perciò rapportarsi a un mondo diverso dal nostro, ma decisamente vicino, perché ciò che ci fa inorridire sui social potrebbe essere stato scritto dal nostro vicino di casa.

Se siamo ancora superiori alle intelligenze artificiali, non è forse il caso di mettere da parte i social e affrontare, con il fine di comprendere, ciò che è diverso?
Dopo tutto, anche una bella litigata, è meglio se fatta dal vivo.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Privacy

Quello tra favorevoli e contrari al vaccino non è che l’ennesimo scontro favorito dal contesto polarizzante creato dalle BigTech, che guadagnano sul tempo che...

English

He placed his name everywhere, making it a powerful brand to such an extent that allowed him, among other things, to become President of...

Comunicazione

Il suo nome lo ha messo dappertutto facendone un brand potente a tal punto da avergli consentito, tra le altre cose, di diventare presidente...

POLITICA USA

Ora che Joe Biden ha preso possesso dello Studio Ovale, Donald Trump starà certamente pensando a come riappropriarsi della scena politica ben sapendo, però,...