Connect with us

Hi, what are you looking for?

Marcello Foa, presidente della Rai
Marcello Foa, presidente della Rai

Rivoluzione digitale

Prix Italia, la Rai raccoglie la sfida della trasformazione digitale

Per rimanere competitiva, la Rai dovrà superare le vecchie logiche e introdurre un criterio meritocratico che la apra ai giovani, rendendola veloce e smart.

Parola del presidente Marcello Foa, che nel suo intervento al Prix Italia ha tenuto a sottolineare anche che “è dovere del servizio pubblico affiancare alle grandi produzioni anche la realizzazione di contenuti di alta qualità senza preoccuparsi troppo degli ascolti, un lusso che i concorrenti privati non possono permettersi, motivo per cui per la Rai è giusto farlo”.

Un mondo, quello della televisione, sempre più proiettato sulle logiche introdotte dalla rivoluzione digitale, che stanno plasmando il pubblico su di esse abituandolo, quindi, alla fruizione “on demand” secondo il principio delle tre O: ogni cosa, ogni tempo in ogni luogo.

Considerazioni che, unitamente alle statistiche sul tempo che trascorriamo online, formano un combinato disposto che mi spinge a ritenere che la televisione diventerà ben presto il second screen: ciò significa che produrrà sempre più contenuti realizzati in funzione del nuovo first screen, ovvero lo smartphone.

Uno scenario che implicherà un’ulteriore accelerazione al processo di trasformazione digitale messo in atto dalla Rai che, nel giro di pochi anni, dovrà diventare una enorme content factory capace di creare contenuti studiati specificatamente per ognuna delle piattaforme in cui verranno distribuiti e dei target che dovranno raggiungere.

Discorso che vale non soltanto per cultura e intrattenimento ma, inevitabilmente, anche per l’informazione, che dovrà essere sempre di più reinterpretata per fare della tivù pubblica il vero e proprio faro dello smart journalism, garantendo spazio alle migliori voci del giornalismo nazionale per contrastare il fenomeno della polarizzazione non con la clava del politicamente corretto, ma offrendo pluralismo e verità.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Innovazione

In Italia, così come in tutto il mondo, il Turismo è uno dei comparti che ha sofferto di più a causa della pandemia: la...

Innovazione

Le parole contano eccome, nel bene e nel male: possono ispirarci, aprirci la mente, farci sognare oppure, talvolta, essere utilizzate per manipolarci. Ne ho...

Comunicazione

Chi fa comunicazione legge quotidianamente Ad Age che, dal 1930, rappresenta un punto di riferimento insostituibile per manager, strateghi e creativi abituati a “stare...

Innovazione

Ecco qui una lista dei passi fondamentali per passare da una semplice startup ad una compagnia milionaria.