Connect with us

Hi, what are you looking for?

Comunicazione

Ad Age: nel 2021 al digitale il 61% del mercato della pubblicità

Chi fa comunicazione legge quotidianamente Ad Age che, dal 1930, rappresenta un punto di riferimento insostituibile per manager, strateghi e creativi abituati a “stare sul pezzo” anche grazie ai preziosissimi contenuti di questa prestigiosa rivista.

Come ogni anno Ad Age ha pubblicato il “Marketing fact pack”, la guida annuale per operatori di marketing, media e agenzie che raccoglie statistiche e informazioni smart riguardo alle attività dei più grandi inserzionisti statunitensi e globali, i brand più pubblicizzati, le quote di mercato, le previsioni pubblicitarie, i dati sui media, le classifiche delle agenzie e altro ancora.

Alcuni dati contenuti nel Fact Pack 2021

GroupM prevede che le entrate pubblicitarie mondiali per i proprietari di media saliranno del 10,2%, toccando la cifra record di $ 651 miliardi nel 2021, dopo essere scese del 4,1% nel 2020 a causa della pandemia.

Ovviamente, a guidare la ripresa della pubblicità c’è il digital. Secondo GroupM  le entrate pubblicitarie mondiali per i player digitali puri – Facebook, Google e altri  – aumenteranno del 14,1%, raggiungendo i 397 miliardi di dollari nel 2021, dando alle campagnee digitali il 61% delle entrate pubblicitarie globali.

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti (6,7% a novembre) è diminuito drasticamente rispetto al picco pandemico del 14,7% toccato nell’aprile 2020, il livello più alto dal 1939. All’inizio della recessione di febbraio, il tasso di disoccupazione era del 3,5%, il livello più basso dal 1969.

Secondo i dati del Bureau of Labor Statistics, l’occupazione nel settore dei media online statunitensi (292.700 in ottobre) è cresciuta durante la pandemia ed è ora il doppio rispetto al livello del 2013. Tuttavia, il personale delle agenzie pubblicitarie (194.200 in ottobre) è vicino al punto più basso dal 2015.

In tutto il mondo, 114 operatori di marketing hanno una spesa pubblicitaria globale superiore a 1 miliardo di dollari; 47 operatori di marketing spendono nei soli Stati Uniti oltre 1 miliardo di dollari.

Il più grande inserzionista del mondo? Amazon ($ 11 miliardi nella spesa pubblicitaria e promozionale del 2019).

Il più grande inserzionista in America? Amazon ($ 6,9 miliardi nel 2019, spesa pubblicitaria e promozionale stimata negli Stati Uniti).

Clicca qui per scaricare gratuitamente il Fact Pack 2021.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...