Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Oltre il “dopo” ci siamo noi

Esistono momenti per correre, altri per tirare il fiato e altri ancora per allenarsi al fine riuscire ad andare oltre noi stessi. Quelli che ci siamo lasciati alle spalle sono mesi che hanno ridisegnato incontrovertibilmente il quadro della realtà in cui viviamo: oggi, che ci piaccia o meno, siamo tutti protagonisti di un mondo diverso rispetto a quello che abbiamo lasciato prima del lockdown.

Per alcuni aspetti è come se fossimo saliti su una macchina del tempo che ci ha portati dritti al “dopo”, ovvero la fase successiva a quella a cui, tra alti e bassi, eravamo tutti abituati: fino a prima del Covid eravamo i «figli di mezzo della storia» descritti da Chuck Palahniuk nel memorabile monologo del protagonista di Fight Club, quelli senza «né uno scopo né un posto» e «né la Grande Guerra né la Grande Depressione», mentre oggi la nostra guerra ce l’abbiamo eccome e la dobbiamo vincere sapendo che le regole d’ingaggio sono cambiate.

Il mondo a cui eravamo abituati è diventato il “prima” e non tornerà mai più.

Starà a noi decidere se vivere il “dopo” da protagonisti oppure se subirlo passivamente, consapevoli che la prima ipotesi presuppone che dovremo essere bravi a prendere il buono ma anche a capire quali sono gli elementi da scartare. Certo è che, se ci lasceremo travolgere dagli eventi, saranno poi altri a decidere in nome e per conto nostro.

Parliamo di opportunità sensazionali in termini di lavoro, che per molti aspetti stiamo già reinventando e riplasmando e, parimenti, di questioni oggettivamente enormi quali la privacy, il concetto di proprietà dei dati, quello del nostro gemello digitale, la digitalizzazione dei processi democratici e partecipativi e le sfide culturali che si stagliano all’orizzonte del 3 novembre, giorno in cui si voterà negli Stati Uniti d’America.

Insomma, come avrete capito stiamo già lanciando il nostro sguardo oltre il “dopo” e oltre Orwell, fermo restando che molto presto ci andremo insieme.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

INCHIESTA SULLA CINA

L’Occidente è sempre più sottomesso alla Cina. Lo siamo a tal punto che riusciremmo a giustificarli perfino se domattina sganciassero l’atomica su Washington: per...

POLITICA USA

Lungi da me voler riaprire la pentola a pressione delle polemiche sul risultato delle ultime elezioni presidenziali americane, la riflessione sintetizzata nel titolo è...

Politica

Sulle macerie delle Twin Towers avrebbe potuto germogliare un Occidente finalmente coeso in nome della propria identità e della difesa della libertà ma, a...

Comunicazione

Il suo nome lo ha messo dappertutto facendone un brand potente a tal punto da avergli consentito, tra le altre cose, di diventare presidente...