Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cultura

Ecco perché “Il Divin Codino” di Roberto Baggio vi emozionerà ancora

Se mi è piaciuto Il Divin Codino? Mettiamola così: è mezzanotte e mi ritrovo in una stanza d’hotel a piangere a dirotto. Credo che tanto basti per dire che il film mi ha emozionato moltissimo, motivo per cui ritengo che valga la pena analizzare i 3 aspetti della storia che mi hanno colpito di più.

1. Roberto Baggio

Scontato finché volete, ma alla base di tutto c’è lui, che più di qualsiasi altro è riuscito davvero a essere il campione di tutti: un’impresa titanica, se consideriamo che siamo un popolo che si divide su qualunque cosa, per non parlare delle rivalità calcistiche.

Ebbene, Roberto Baggio è stato uno dei pochi in grado di metterci d’accordo non solo nello sport, ma in generale, perché ha coniugato l’immensità di un talento cristallino con l’autenticità del suo tratto umano, che gli ha dato la forza di rialzarsi dopo essere caduto, innumerevoli volte.

2. Il rapporto tra figlio e padre

Ovvero l’aspetto sul quale si snoda tutta la narrazione del film, che ammetto di aver guardato con grande malinconia perché in molte scene ho trovato similitudini con il mio vissuto personale che, inevitabilmente, hanno scatenato in me una tempesta di emozioni.

Senza voler svelare troppi dettagli a chi deve ancora guardare Il Divin Codino – diretto dalla giovane e brava Letizia Lamartire e interpretato, nel ruolo del protagonista, dall’ottimo Andrea Arcangeli – sicuramente colpisce molto comprendere quanto Baggio vivesse una sorta di frustrazione che probabilmente derivava dal fatto di essere amato e incensato da milioni di persone ma non da suo padre, che non gli aveva mai neppure detto «bravo».

3. Il rapporto tra padre e figlio

Si dice spesso che solo quando abbiamo dei figli possiamo comprendere davvero i sacrifici che i nostri genitori hanno fatto per noi: sono perfettamente d’accordo. Non me ne voglia chi non è genitore ma, francamente, ritengo che chi vive la sfida tanto bella quanto difficile di crescere un figlio capisca compiutamente questa particolare sfumatura: Dio solo sa quanto sia difficile trovare il giusto equilibrio tra fermezza e dolcezza!

Devo dire che il film riesce a esprimere benissimo l’immane sforzo affettivo compiuto dal padre di Roberto, incarnato più che interpretato da Andrea Pennacchi.

Per concludere

Se volete un consiglio guardate Il Divin Codino senza aspettarvi un remake di gol e gesti tecnici, perché a quelli ci ha già pensato l’originale e ci sono fior di video per ammirarli tutte le volte che volete.

Pensate, invece, di immergervi nella storia di un uomo che ha saputo conquistarci grazie alla perfezione dei suo gesti tecnici che, agli occhi del nostro cuore, sono risultati tanto perfetti proprio grazie ai numerosi ostacoli che ha dovuto superare per riuscire a realizzarli.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Privacy

Il 9 settembre scorso su Netflix è uscito The Social Dilemma, che il regista statunitense Jeff Orlowski ha imperniato sull’influenza che i social network...

TgPop

Si chiama Netflix Party, ed è un’estensione per Chrome che ci permette di non rinunciare alle serate film con gli amici. Una soluzione per...

Innovazione

Nonostante sia una delle piattaforme più seguite nel mondo, solo oggi, per la prima volta, si vengono a sapere dati relativi ai guadagni di...

Comunicazione

di Alessandro Nardone – La storica stretta di mano tra Donald Trump e Vladimir Putin al G20? Uguale a quella tra Frank Underwood e...