Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politicamente corretto

Parler, il social per chi non ama le censure del politicamente corretto

Si chiama Parler è una piattaforma di microblogging simile a Twitter e, proprio mentre i media mainstream assegnavano trionfalmente la vittoria a Joe Biden, è diventata l’app più scaricata d’America: 1 milione di downloads in soli 5 giorni.

Si chiama Parler è una piattaforma di microblogging simile a Twitter e, proprio mentre i media mainstream assegnavano trionfalmente la vittoria a Joe Biden, è diventata l’app più scaricata d’America: 1 milione di downloads in soli 5 giorni.

Sul suo sito web, Parler si decrive così: «Parla liberamente ed esprimiti apertamente, senza paura di essere cancellato per le tue opinioni. Parler è una soluzione ai problemi emersi negli ultimi anni a causa dei cambiamenti nella politica delle Big Tech Companies influenzate da vari gruppi di potere. Interagisci con persone reali, non robot. Parler è incentrato sulle persone e sulla privacy e ti offre gli strumenti necessari per curare la tua esperienza».

Mentre Twitter e Facebook hanno di fatto dichiarato guerra ai post di Donald Trump, definendoli “fuorvianti”, Parler si definisce una piattaforma di social media basata sulla “libertà di parola”. Lo scorso giugno CEO John Matze nel corso di un’intervista ha dichiarato che il suo social non si avvarrà di “fact checker”.

Matze si è laureato all’Università di Denver nel 2014 e ha lavorato come ingegnere per Amazon Web Services prima di creare l’app di cui pare abbia acquisito delle quote anche Dan Bongino, un giornalista di Fox News giudicato molto vicino al presidente Trump.

Gli utenti della piattaforma sono principalmente influencer e politici repubblicani e di destra, fatto sta che ora la piattaforma conti milioni di utenti e account come la pagina del senatore repubblicano del Texas Ted Cruz che ha raccolto più di 3 milioni di follower, il presentatore Fox Sean Hannity con 2,5 milioni ed Eric Trump con 1,4 milioni.

Ci sono anche il conduttore televisivo (conservatore) Mark Levin, l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani e l’ex capo stratega alla Casa Bianca Steve Bannon, che nel corso dell’intervista che gli feci lo scorso 26 giugno rispose a una mia domanda sul tema introducendo il concetto di sovranità digitale (nel video qui sotto potrete ascoltare direttamente la sua risposta).

Parler, come Twitter, consente agli utenti di condividere con i propri follower post (il limite è di 999 caratteri), collegamenti, foto e anche commentare e votare a favore dei “parleys”, ovvero il nome con cui sono stati ribattezzati i post.

Senz’altro l’ascesa di Parler rappresenta una prima risposta concreta all’ostilità manifestata dai social di Zuckerberg e Dorsey nei riguardi non soltanto di Trump, ma anche di un numero sempre crescente di utenti che in molti casi vengono penalizzati non perché estremisti o diffusori di fake news ma, più semplicemente, perché non si assoggettano ai dettami che pensiero unico e politicamente corretto tentano di imporre a chiunque, censurando chi si ostina a non allinearsi.

Concetto che, nostro malgrado, lo scorso gennaio abbiamo vissuto sulla nostra pelle con il blocco – da parte di Twitter – del mio account personale e di quello di Orwell. Motivo? Aver pubblicato un articolo nel quale, udite udite, sul nostro giornale un articolo nel quale condannavamo il vomitatoio d’insulti che si scatenò alla notizia della morte di Giampaolo Pansa.

Parler prenderà piede anche in Italia? Staremo a vedere, nel frattempo noi di Orwell possiamo dire di essere il primo quotidiano italiano ad aver creato il proprio profilo. Vi aspettiamo anche lì.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

English

The radical left is still convinced that it can issue democracy certificates. What’s intriguing is that they persist in this belief despite the beatings...