Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Digitalizzazione: i musei italiani sono ancora indietro

Nonostante i musei del nostro Paese siano fra i più visitati al mondo per il prestigio delle opere d’arte che conservano, a oggi rimangono piuttosto arretrati in quanto a uso delle nuove tecnologie. A dirlo è uno studio dell’Istat che rileva che, nel mondo museale italiano, la digitalizzazione ancora non si è completata. Il ritardo riguarda sia la catalogazione che l’esperienza del pubblico.

Come nell’industria, anche nella cultura la digitalizzazione rimane la chiave per restare competitivi sul mercato. Ebbene, in Italia, quasi certamente per miopia politica e burocratica, pare che non si sia compreso pienamente questo concetto, lasciando il nostro tesoro artistico funzionare con vecchi sistemi. A parte poche eccezioni, la maggior parte dei musei pubblici italiani si sta dimostrando arretrata rispetto ai concorrenti internazionali. Gli unici elementi positivi riguardano l’uso dei social-network e la vendita online dei biglietti.

I NUMERI

Dal rapporto “L’Italia dei musei” emerge che, nel nostro Paese, solo un museo su dieci ha effettuato la catalogazione digitale del patrimonio posseduto. Di questi, circa un terzo (37,4%) ha già completato il processo di digitalizzazione, due terzi hanno avviato le attività di digitalizzazione ma hanno coperto solo metà dei beni e delle collezioni disponibili.

Sono soprattutto le gallerie di arte antica (23%) ad avere una lista in digitale, seguite da quelle di storia e di scienze naturale (16%). Se pensiamo a quello che mettono a disposizione online musei come il Guggenheim o il Metropolitan di New York (che però sono privati) ci rendiamo conto di quando i nostri musei pubblici siano indietro.

Negli ultimi anni l’utilizzo di tecnologie interattive e di strumenti digitali ha reso possibile anche arricchire l’esperienza di visita del visitatore, coinvolgendolo nel racconto delle opere o permettendo di compiere tour virtuali. Anche in questo settore, però, la mentalità dei dirigenti pubblici dei museali italiani sembra essere piuttosto arretrata. Meno della metà delle strutture censite (44,7%) mette a disposizione almeno un dispositivo: tra smartphone, tablet, touch screen, supporti alla visita come sale video e/o multimediali, tecnologia QR-code o percorsi di realtà aumentata.

Ciò che si salva è la comunicazione. Infatti, la metà degli istituti ha un sito web dedicato (51,1%) e il 53,4% un account sui più importanti social media (Facebook, Twitter, Instragram). Negli ultimi tre anni è raddoppiato il numero di strutture che offrono la possibilità di comprare biglietti online (dal 6,6% del 2015 al 14% nel 2018), mentre cresce il numero di strutture che mettono a disposizione della propria utenza la connessione Wi-Fi gratuita (dal 18,6% del 2015 al 25,1% del 2018). Il 38,4% degli istituti museali pubblica sul web dei link a mappe digitali o coordinate geografiche utili alla geo-localizzazione della struttura e un museo su dieci (9,9%) offre la possibilità di visitare virtualmente le proprie sale.

GLI ESEMPI POSITIVI

In quadro così incerto esistono comunque esempi positivi di innovazione. Il Miac, Museo italiano audiovisivo e cinema di Roma, grazie alle tecnologie di realtà virtuale regala ai fruitori forti emozioni. Sul piano dell’educazione, invece, va segnala l’iniziativa della Galleria Nazionale delle Marche di Urbino che rappresenta un vero e proprio modello da seguire.

Per avvicinare i più giovani al mondo dell’arte l’amministrazione del museo ha puntato sul videogioco Minecraft educational in cui gli studenti sono stati chiamati a realizzare contenuti sulla vita di Raffello per inserirli all’interno del gioco.

Negli ultimi anni stanno giocando un ruolo strategico le fondazioni che aiutano i musei a valorizzare il proprio patrimonio in chiave innovativa. Fra queste la Fondazione Cariplo in Lombardia e quella Ibm Italia che, dal 1999, fornisce supporti informatici per tutti gli spazio espositivi che lo richiedano. La collaborazione si è estesa anche alle mostre temporanee, con la messa a disposizione del pubblico di dispositivi per visualizzare le informazioni delle produzioni artistiche e degli autori.

Tutti casi che dimostrano che l’innovazione tecnologica migliora l’offerta dei musei sotto tutti gli aspetti. Ad oggi, però, in Italia manca una piena consapevolezza di questo e un reale impegno del Ministero.

 

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Innovazione

L’eCommerce e il digitale hanno avuto un ruolo fondamentale nel contenere il crollo degli scambi commerciali tradizionali, che in seguito all’emergenza Covid19 sono calati...

Innovazione

Secondo una ricerca dell’Istat, il 90% delle grandi imprese (250 addetti e oltre) e il 73,1% delle imprese di dimensione media (50-249 addetti) hanno...

English

Many fans of the Matrix trilogy will certainly remember the famous definition of Morpheus who, explaining to Neo the differences between the real world...

Cultura

intuizione di Maria Pia Rossignaud e Derrick de Kerckhove: il «gemello digitale», ovvero il nostro io convertito nei bit di cui è composta la...