Connect with us

Hi, what are you looking for?

Occidente 2024

Verità vs Ideologia woke

Ho volutamente registrato questa seconda puntata di Occidente 2024 dopo aver letto “Il mondo al contrario”, il libro del generale Roberto Vannacci sul quale la sinistra si è buttata a capofitto da giorni, palesando per l’ennesima volta il suo atteggiamento tutt’altro che democratico nei confronti da chiunque osi dissentire dalla sua narrazione, ormai totalmente genuflessa al cospetto dei fanatismi dell’ideologia woke.

Poco più di un mese fa scrissi un articolo sulle tecniche di comunicazione utilizzate dalla sinistra con l’unico obiettivo di demonizzare l’avversario: si tratta dell’approccio messo a punto da un certo Iosif Stalin che, da ormai un secolo, caratterizza l’agire delle sinistre di tutto il mondo. Fare politica contro qualcuno e non per qualcosa.

L’approccio a cui, non certamente a caso, si ispirò George Orwell per scrivere autentici capolavori come “La fattoria degli animali” e “1984” prevendendo, con larghissimo anticipo e grande precisione, la deriva a cui sarebbe andato incontro l’Occidente che subito dopo la Seconda Guerra Mondiale si mostrò fin troppo indulgente con il sanguinario dittatore russo.

«Più una società si allontana dalla verità, più odierà quelli che la dicono», l’eco delle parole di Orwell rimbomba oggi più forte che mai, amplificato dalla vera e propria guerra scatenata da chi vorrebbe cancellare la storia e, con essa, ogni singolo punto di riferimento proprio della Civiltà Occidentale, financo negando le evidenze più oggettive, come l’esistenza di due sessi, quello maschile e quello femminile.

Contesto nel quale la sinistra agisce in maniera del tutto spregiudicata, in preda ad una sorta di delirio di onnipotenza in virtù del quale i suoi rappresentanti si sono convinti di rappresentare l’autorità morale che ha il potere di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato, quali idee hanno diritto di cittadinanza e quali no, quali valori rappresentano il progresso mentre tutti gli altri sono retrogradi e fascisti, quali convinzioni conculcare ai nostri bambini e di quali punti fermi privarli.

Un atteggiamento inaccettabile, rispetto al quale la leadership di Giorgia Meloni rappresenta un argine per l’Italia e per l’intera Europa e dal quale tutti noi dobbiamo avere il coraggio di affrancarci scrollandoci di dosso la paura di affermare i valori nei quali ci riconosciamo solo perché qualcuno potrebbe additarci come fascista, omofobo o razzista.

Buona visione!

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...