Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Le dimissioni di Draghi, il teatrino della politica e la coerenza di Giorgia Meloni

Le dimissioni di Draghi confermano che in Italia i governi hanno una durata media di poco superiore a 400 giorni: è evidente che i partiti ci sguazzino, poiché è molto comodo chiedere il voto facendo promesse e poi, in nome di pretesti ridicoli, fare l’esatto contrario.

Durante questa disgraziata legislatura tutti hanno governato con tutti contravvenendo al patto stipulato con i propri elettori. Tutti, tranne Fratelli d’Italia. Eppure qualche acuto analista ancora si affanna nel tentativo di sminuire l’ascesa di Giorgia Meloni.

Ciò avviene essenzialmente per due ragioni: la prima è, ça va sans dire, la partigianeria. Spesso sguaiata, ma tutto sommato comprensibile. La seconda risiede nella disconnessione dal Paese di gran parte dell’establishment radical chic, conseguenza della scelta di connettersi, viceversa, con gli interessi dei grandi gruppi di potere che molto spesso confliggono con quelli dell’economia reale.

Pensiamo, ad esempio, alla centralizzazione messa in atto dalle GAFAM che, oltretutto, sono soggette a una tassazione risibile. Oppure all’appiattimento di Pd e M5S sulle posizioni della Cina il cui governo, è sempre bene ricordarlo, è espressione della sanguinaria dittatura del Partito Comunista Cinese. Gli interessi delle multinazionali che delocalizzano non sono gli stessi di chi, nonostante tutto, investe creando ricchezza e valore in Italia.

Si tratta di osservazioni oggettive, così come difendere le istanze degli italiani non è populismo o sovranismo, ma semplicemente buonsenso. Allo stesso modo sarebbe ora di finirla di dire che alle elezioni non ci si deve andare “per non consegnare il paese alla destra”, perché i partiti dovranno mettere in conto che continuando a schivare (avrei anche potuto scrivere schifare) il voto scaveranno un solco profondo a tal punto da diventare il precipizio dentro al quale spingeranno non loro stessi, ma la democrazia intera.

Per questi motivi auspico che si vada ad elezioni anticipate e che i partiti tornino a fare politica elaborando proposte e alleanze in grado di dare alla nostra Nazione un governo stabile e legittimato dalla volontà popolare. L’Italia lo merita.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...