Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Sofferenza stampa

L’ennesimo spettacolo d’arte avariata andato in scena a Palazzo Chigi dovrebbe – come minimo – spingere Sergio Mattarella a prendere atto che ogni giorno in più di governo Conte, corrisponde a migliaia di posti di lavoro in meno e al protrarsi di una gestione della pandemia scellerata a tal punto da essere riusciti a fare peggio persino del Perù.

Più che una conferenza, quella di ieri sera è stata una sofferenza, durante la quale lo statista di Volturara Appula ha recitato il de profundis per un numero indefinito di attività commerciali a cui ha comunicato che tra 5 giorni dovranno chiudere i battenti, impedendo loro di poter recuperare qualcosa quantomeno durante il periodo natalizio.

Sarebbe sufficiente aver lavorato almeno per un giorno per essere consapevoli che le attività commerciali programmano il lavoro ordinando merce (gran parte delle derrate alimentari, oltretutto, sono deperibili) e impegnando il proprio personale che, tradotto, significa esporsi economicamente.

Ora, dopo la prima ondata il governo ha imposto a tutte le attività di adeguarsi alle nuove norme igienico-sanitarie e gli imprenditori lo hanno fatto, sostenendo costi non indifferenti che, sommati ai mancati guadagni, hanno creato una vera e propria voragine nei bilanci di molti.

Tempo qualche settimana e quelle stesse attività sono state nuovamente chiuse, poi riaperte e ora chiuse per l’ennesima volta.

Tutto questo a fronte di “ristori” dagli importi ridicoli, che vengono venduti con un trionfalistico «restituiremo agli imprenditori colpiti il 100%», senza dire di cosa, però. Non certo delle perdite, figuriamoci. Ma il 100% di quanto preso col decreto rilancio, ovvero il 20 delle perdite rispetto al fatturato dell’anno precedente.

Avete capito? Dinnanzi a un presidente del Consiglio che si serve di un espediente comunicativo tanto meschino, il mitico televenditore di gioielli Sergio Baracco pare John Kennedy.

Per non parlare di tutto il resto: dovevano abolire la povertà ma hanno abolito la libertà, facendo in modo – grazie ai media che alimentano la grancassa di pensiero unico e politicamente corretto – che chiunque dissenta venga automaticamente etichettato come negazionista.

Basta, è ora di finirla!

Chi nega l’esistenza del virus è un cretino, ma non ci sarebbe nemmeno bisogno di specificarlo. Purtroppo, viviamo in un paese vittima di tecniche di mistificazione della realtà degne della propaganda di regime dell’ex Unione Sovietica, della Cina o della Corea del Nord.

Certo è che il mix tra autoritarismo e incompetenza sta partorendo un mostro che ha tutte le caratteristiche dell’Idra, il serpente a cui tagliata una testa ne ricrescevano altre: nel nostro caso ogni Dpcm è causa di una moltitudine di problemi.

Come ho scritto all’inizio serve che il Capo dello Stato diventi l’Ercole della situazione e faccia rotolare a terra – in senso metaforico, s’intende – la testa apparentemente immortale dell’ex avvocato del popolo e della sua fallimentare compagine governativa prima che sia quest’ultima a far capitolare noi.

 

 

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

11 settembre

In occasione del ventennale dell’11 settembre, ripropongo questo mio editoriale di due anni fa. Buona lettura, AN   Alzi la mano chi non rammenta...

Comunicazione

L’intervento di Alessandro Nardone durante la conferenza stampa per la presentazione di Winter Melody, l’evento di moda organizzato da Centergross Bologna, contestualmente al quale...

Politica

Sulle macerie delle Twin Towers avrebbe potuto germogliare un Occidente finalmente coeso in nome della propria identità e della difesa della libertà ma, a...

Comunicazione

È la polarizzazione, bellezza. Un fenomeno che a parole tutti combattono ma che, nei fatti, tutti alimentiamo. Il problema, in primis, è di comunicazione,...