Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Dopo la “censura” ora Twitter ha un problema con la sicurezza degli account

La sera del 15 luglio Twitter ha subito un grave attacco hacker, che ha sullo sfondo un’ingente truffa relativa a una campagna pro-Bitcoin. Nella storia di Twitter non si era mai verificato un insuccesso di queste dimensioni, sicuramente una macchia destinata a lasciare conseguenze non da poco per la Dorsey & Co e il suo fondatore Jack Dorsey.

Gli account violati appartengono a personaggi di un “certo” rilievo, per citarne alcuni: Joe Biden, Bill Gates, Apple, Elon Musk, Warren Buffett, Kanye West, Michael Bloomberg, Uber, Jeff Bezos e Barack Obama, una delle figure maggiormente seguite sulla piattaforma. Ergo, oltre a loro milioni di follower sono stati ingannati.

Una volta hackerati gli account, la truffa è consistita nell’invitare gli utenti ad inviare bitcoin su dei link difficilmente tracciabili. Ed è stata proprio questa la fregatura: Twitter ha avuto difficoltà a raggiungere e segnalare questi link. Un elemento che emergerà è il fatto che la piattaforma non sia riuscita ad intervenire immediatamente.

Appena a Twitter si sono accorti dell’accaduto gli account compromessi sono stati chiusi. Probabilmente quello che è rimasto attivo più a lungo è stato quello di Elon Musk, il fondatore di Tesla e SpaceX. Anche dopo l’intervento di Twitter era ancora possibile visualizzare i tweet truffa. Da ciò che sappiamo, non ci sono account italiani coinvolti.

La società sta cercando di esaminare l’accaduto e come sia stato possibile arrivare a un disastro di queste proporzioni oltre, ovviamente, alle indagini sulla piattaforma di transazioni di bitcoin coivolta nell’hacking.

Una débâcle che arriva in un momento topico per Twitter, già al centro di polemiche feroci con Donald Trump per via della “censura” arbitrariamente applicata ad alcuni suoi tweet, comportamento ritenuto contrario alla libertà d’espressione dall’inquilino della Casa Bianca.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

English

I had written this in my last book and reiterated it in countless interviews, most recently on June 28: Donald Trump is a huge...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

English

Wars, illegal immigration, declining purchasing power, and the dictatorship of political correctness are the evils, and Trump is the cure. This sentiment fuels a...