Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Giuseppe Ponte

Effettivamente all’appello il Ponte sullo Stretto di Messina mancava: appeso lì, nella bacheca delle boutade di Giuseppi, fa un figurone. Ancora tre o quattro conferenze stampa delle sue (nel senso di Casalino) e a Palazzo Chigi sarà possibile organizzare una mostra permanente, la prima grande esposizione di Giuseppe Ponte, le cui opere hanno il potere di tenere in sospeso chi le ascolta per mesi e mesi senza che… succeda un emerito lazzo.

Così, i visitatori potranno letteralmente perdersi a tempo indeterminato tra i corridoi della mostra, girovagando rigorosamente a distanza ma, al contempo, ebbri delle poderose promesse che ridesteranno la loro voglia di ripartire, rafforzando graniticamente la consapevolezza che no, Giuseppe Ponte non lascerà nessuno indietro.

Un viaggio per taluni aspetti introspettivo, poiché è ferma intenzione di Giuseppe Ponte spingere gli spettatori a guardarsi dentro, interrogandosi sul perché, nonostante tutto, credano ancora alle sue autentiche fanfaluche.

Da Avvogado del Bobolo a giudice supremo e imperituro delle nostre coscienze, inaridite a tal punto da lasciarci trarre in inganno come dei Gollum qualsiasi da bisogni meramente utilitaristici come i bonus per la partite IVA, la cassa integrazione e financo la liquidità per le imprese.

Una deriva materialista dalla quale egli ci sta liberando accompagnandoci felicemente alla decrescita che spezzerà le nostre catene dalle malsane abitudini di stampo consumista come andare a fare la spesa, pagare il mutuo, l’affitto o le tasse.

Inutili orpelli, rami secchi da tagliare quanto prima per lasciare spazio alla vera sostanza del nostro vivere quotidiano, l’esplicitazione dei valori altissimi che Giuseppi e la compagine governativa da lui tenacemente guidata incarnano alla perfezione e che propagano con una potenza di fuoco mai vista prima.

E se rimarremo senza lavoro e senza casa? Pazienza, vorrà dire che andremo a dormire sotto a un Ponte.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

English

The radical left is still convinced that it can issue democracy certificates. What’s intriguing is that they persist in this belief despite the beatings...