Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

L’America brucia ma il problema è Trump

«A quelli che pensano che quello che è successo sia una scusa per la violenza dico che non ho per loro nessuna solidarietà, nessuna solidarietà per chi distrugge le proprie comunità. Ci sono modi produttivi di rispondere ed esprimere queste frustrazioni e ci sono modi distruttivi come bruciare gli edifici, dare fuoco alle macchine, distruggere proprietà e mettere le persone a rischio, questi sono modi distruttivi che non possono essere scusati. Sono azioni criminali e le persone devono essere perseguite se compiono atti criminali».

No, non sono parole di Donald Trump, ma quelle che il suo predecessore Barack Obama pronunciò rivolgendosi alla nazione il 25 novembre del 2014, a seguito degli incidenti che seguirono alla decisione con cui il Grand Jury di non incriminare il poliziotto che uccise il diciottenne Mike Brown a Ferguson, nel Missouri.

Oggi, a distanza di 6 anni, l’America è messa a ferro e fuoco da chi ha preso a pretesto la morte di George Floyd per alzare il livello dello scontro scatenandosi in un crescendo di atti di guerriglia e saccheggi, le cui immagini parlano drammaticamente chiaro, non lasciando spazio ad alcun tipo di interpretazione.

La differenza sta nei commenti dei soliti media mainstream. Nel 2014, con Obama alla Casa Bianca, era colpa «dell’America violenta», mentre oggi è l’America violenta a essere «colpa di Trump».

Un atteggiamento che non mi sorprende affatto, che è lo stesso che approfondimmo nel nostro speciale sulla disparità di trattamento riservata ai due, con la prima parte focalizzata sull’immigrazione e la seconda alla politica estera, dove il paragone appare addirittura impietoso, con il Nobel per la Pace Obama che dal 2009 in poi sganciò decine di migliaia di bombe su ben 7 paesi.

Ciò che lascia esterrefatti è la cecità con cui politici e opinion maker si ostinano a giustificare atti di violenza e di odio sociale perpetrati da movimenti eversivi come quello degli Antifa che, come spiegavo nell’editoriale di ieri, utilizzano anch’essi lo spauracchio del fascismo per giustificare furti e devastazioni che, come correttamente diceva anche Obama, non hanno nulla a che vedere con le proteste civili contro le discriminazioni.

Un’ultima considerazione su questo punto voglio farla tornando su Obama, che due giorni fa è intervenuto per riversare tutte le colpe su Trump affermando che «che nell’America del 2020 è ancora ‘normale’ trattare diversamente le persone in base alla razza» sancendo, di fatto, il totale fallimento dei suoi 8 anni alla Casa Bianca. That’s it.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

Newsroom

Parole, quelle di Trump, che tracciano i contorni di un’identità, che spronano a dare sempre il massimo, che ci indicano che una strada esiste...