Connect with us

Hi, what are you looking for?

INCHIESTA SULLA CINA

La minaccia comunista che i radical chic fingono di non vedere

Il comunismo è sangue e repressione, eppure esiste una parte di opinione pubblica che anche davanti all’ineluttabilità dei fatti si ostina a mistificare la realtà in nome di un mix tra interessi economici e ideologici.

Un approccio coerentemente ipocrita, che negli Stati Uniti vede i democratici genuflettersi innaturalmente al cospetto di Pechino pur di attaccare l’odiato presidente Trump e che, in Italia, è perfettamente rappresentato dall’imbarazzante opera di leccaculismo praticata tanto dai seguaci della setta capeggiata da Grillo quanto dai post-comunisti del Pd, che d’altra parte sono i diretti discendenti di chi voleva sostituire la dittatura fascista con quella comunista (se non fosse stato per gli Alleati, altro che Liberazione).

Trattandosi dei depositari del politicamente corretto e del pensiero unico, sono capaci di vere e proprie contorsioni lessicali, come quella oggettivamente magistrale in cui si è esibito qualche settimana fa il sindaco di Milano Beppe “Non si ferma” Sala, definendo la Cina un paese «non pienamente democratico». Chapeau.

I milioni di cinesi vittime della repressione? I medici arrestati e fatti sparire perché “colpevoli” di aver scoperto il coronavirus? E ancora, il Tibet? Hong Kong? Gli uiguri? Bazzecole. Molto meglio continuare a fingere di non vedere per coltivare indisturbati i propri interessi con il paese a cui è stato consentito di svuotare l’Occidente da lavoro e diritti dei lavoratori, magari lavandosi la coscienza con una bella battaglia per la difesa di quelli dei migranti o contro il cambiamento climatico, che fa sempre figo ed è poco impegnativo.

In questo po’ po’ di calderone, vuoi non metterci una spruzzatina di fascismo? Si tratta del vero tocco da maestro, bisogna essere obiettivi: non è per nulla facile occultare la minaccia concreta costituita dal regime comunista cinese dietro l’ombra di un fenomeno che da oltre 70 anni è consegnato ai libri di storia, eppure loro ci sono riusciti.

Sono stati bravi a tal punto da etichettare tutto ciò che dissente dal loro pensiero (non so perché, mi ricorda qualcosa…) come “fascista”, creandosi l’appiglio perfetto per poterlo attaccare.

Insomma, per spostare l’attenzione dalle nefandezze del regime dittatoriale comunista si sono inventati un nemico fantoccio sul quale riversare colpe e paure scordandosi, però, che a tirare picconate al Muro di Berlino e a fermare i carri armati in Piazza Tienanmen ci andarono persone coraggiose che il comunismo lo avevano vissuto sulla loro pelle e che, per questo, erano pronte a morire pur di liberarsene.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

È la polarizzazione, bellezza. Un fenomeno che a parole tutti combattono ma che, nei fatti, tutti alimentiamo. Il problema, in primis, è di comunicazione,...

Innovazione

Un neologismo nato da pochi anni, che incorpora libertà e lavoro all’interno di un’unica persona. I Nomadi Digitali sono ragazzi che hanno deciso di...

Politica

In attesa di tornare alle urne per eleggere – si spera – una maggioranza in grado di formare un governo espressione della volontà popolare,...

Newsroom

In occasione della serata organizzata dalla Biblioteca del comune di Lomazzo da Alberto Monti (assessore della cultura e vice sindaco di Lomazzo), con ospiti...