Connect with us

Hi, what are you looking for?

Newsroom

Maurizio Tortorella: «Se si scavasse emergerebbero molte altre Bibbano»

Con un governo “impegnato” ad allarmare l’opinione pubblica (piuttosto che a tranquillizzarla) sul fronte dell’emergenza Covid-19, molti temi spinosi, maneggiati con la consueta lungimiranza da buona parte della stampa italiana, sono rimasti in sospeso per lasciare spazio ai numeri dei sommersi e dei salvati, alla funebre liturgia delle conferenze stampa, e all’autocelebrazione d’improvvisati esperti.

Stufi del contributo anestetizzante fornito da notizie riguardanti mascherine, distanziamenti, sceriffi, movida e improbabili app, ieri sera, nella nostra navigazione in direzione ostinata e contraria, siamo tornati sul “caso Bibbiano”.

Lo abbiamo fatto, live, con la partecipazione di un illustre giornalista, Maurizio Tortorella, ex vice direttore di Panorama, oggi tra le principali firme del quotidiano “La Verità”, nell’ambito della presentazione del suo libro “Bibbiano e dintorni” (Paesi edizioni).

Al centro della discussione, insieme con Alessandro Nardone e Carlo Cattaneo, non solo la vicenda (e i protagonisti) dell’inchiesta “Angeli e Demoni”, ma soprattutto l’opaco sistema degli affidi avvolto dal sospetto che un vero e proprio business sia stato creato alle spalle dei minori e delle loro famiglie.

Quanti sono, infatti, i minori affidati ai servizi sociali in Italia? Quanti soldi vengono spesi dal sistema dell’affido minorile ai servizi sociali? Perché non si obbligano i Comuni a creare una banca dati degli affidi? Per quale motivo non appaiono all’orizzonte altri magistrati coraggiosi come Valentina Salvi?

Chi sono i giudici minorili onorari? Come mai hanno tanto potere?

Non essendo tra coloro che pensano sia possibile aggiustare le cose a fari spenti, abbiamo deciso di riaccendere i riflettori sul campo di una battaglia che dovrebbe essere territorio di trasparenza condiviso e non plumbeo, velato, se non addirittura repellente, come appare, invece, dalle 277 pagine dall’Ordinanza di applicazione di misura coercitiva firmata, ormai quasi un anno fa, dal giudice Luca Ramponi.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

English

Giorgia embodies the authentic spirit of Italy, the belief in her people’s simple dreams, made up of the little everyday miracles. Tucking our children...

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...