Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

La vita non è un click

Noi lo ignoriamo ma il dio Click esiste. Evocato per le sue doti salvifiche perfino dalle alte sfere dell’Inps, che vi si aggrappano disperatamente affinché sia lui a prendere l’ennesima decisione su cui il governo ha abdicato, dando cioè il via a una sorta di selezione naturale tra le già sventurate Partite Iva.

Né più né meno di una roulette russa: o dentro o fuori, vivo o morto.

Milioni di liberi professionisti davanti al computer lo stesso giorno a imprecare contro la rete che non andrà o il sito che casualmente s’impallerà, con la differenza che non lo faranno – come avveniva prima del Coronavirus – per acquistare il biglietto per un concerto, ma per avere ciò che gli spetta; ovvero uno striminzito assegno sul cui importo scelgo l’autocensura per carità di patria.

Oltre ai gangli della previdenza sociale, il dio Click avvolge anche le stanze dei bottoni, pervadendone gli inquilini con poteri magnetici, trasformandoli tutti in un manipolo di Gollum smaniosi di accarezzare mouse e smartphone mentre assistono estasiati al moltiplicarsi di click, like e retweet da loro accolti con imperitura gratitudine al grido di: «il mio tessoro!»

Una forza devastante, che antepone il consenso a ciò che è giusto, per la quale è meglio prendere un like oggi che lavorare per guardare con fiducia al domani: è questo il seme su cui germogliano bestialità quali “milanononsiferma”, “abbracciauncinese”, “è come l’influenza” e altre sulle quali preferisco appellarmi nuovamente all’autocensura.

In tutto questo è evidente che la quarantena forzata proietti il nostro io più nella dimensione digitale che in quella reale, catapultandoci nella Terra di Mezzo in cui il dio Click regna incontrastato. Peccato, però, che nella realtà i like non contino nulla e che installare un antivirus al massimo potrà salvarci il computer o il telefonino ma le vite vere no: a quelle continuano a pensarci medici e infermieri, quelli costretti a lavorare anche senza le mascherine che non siete in grado di mandargli.

Ma quando siamo in preda al dio Click è più facile crogiolarci in una nostra immagine photoshoppata e messa online, piuttosto che guardare in faccia la realtà.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...