Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

I democratici hanno imparato la lezione dei repubblicani

Chi seguì la cavalcata che portò Donald Trump alla Casa Bianca ricorderà perfettamente come egli, prim’ancora di battere Hillary Clinton, sconfisse i repubblicani in casa loro essendo bravo a sfruttare la loro incapacità di unirsi e sostenere un unico candidato capace di contrastarlo.

Il recupero di Biden

I risultati che si profilano da questo Super Tuesday dicono che il “ribaltone” orchestrato da Barack Obama a sostegno del suo ex vice abbia funzionato eccome, portando in dote a Biden non soltanti i voti dei sostenitori dei candidati che si sono ritirati per sostenerlo (Buttigieg e Klobuchar), ma anche un effetto traino tra moltissimi elettori che continuavano a essere indecisi per una serie di fattori: Sanders troppo socialista, Biden (fino a 48 ore fa) tropppo debole, Bloomberg troppo repubblicano e così via.

La batosta di Bloomberg

La pessima figura rimediata da Bloomberg – che per questo scorcio di campagna elettorale ha investito la bellezza di 700milioni di bigliettoni verdi – è l’ennesima dimostrazione che la teoria secondo cui nel 2016 Trump vinse grazie alla manipolazione degli elettori su Twitter e Facebook è una baggianata grande come una casa. Il Web aiuta a veicolare ciò che si è realmente, ergo,  se nel mondo reale il mio “prodotto” è debole non ci sono santi che tengano, non funzionerà nemmeno se investirò tutti i soldi del mondo online.

Nel 2016 – come oggi, del resto – Trump riempiva i palazzetti, riuscendo a riportare entusiasmo tra un elettorato repubblicano che sembrava, va ricordato, essersi abituato all’idea che con ogni probabilità avrebbe vinto Hillary Clinton, che era per tutti la strafavorita.

Ergo, vivaddio i soldi sono importanti ma non sono tutto. Solo pochi mesi fa, quando decise di scendere in campo, Bloomberg aveva una reputazione di ferro: magnate dell’informazione e consolidatore della rivoluzione di Rudy Giuliani da Sindaco di New York, oggi ne esce con il patrimonio personale alleggerito e con la reputazione che sta tutta nel soprannome che gli ha affibbiato Donald Trump: Mini Mike.

Ora è testa a tasta tra Biden e Sanders

Ora la corsa è delineata e quindi anche gli altri candidati dem si adegueranno al nuovo scenario, così molto probabilmente la deludente Elizabeth Warren si ritirerà per sostenere Bernie Sanders, per il quale la strada si fa sicuramente in salita, ma questo non significa che i giochi siano già chiusi.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

INCHIESTA SULLA CINA

L’Occidente è sempre più sottomesso alla Cina. Lo siamo a tal punto che riusciremmo a giustificarli perfino se domattina sganciassero l’atomica su Washington: per...

Alex

«Ale, quando vieni a casa mia? Vorrei farti un ritratto con una nuova tecnica che sto mettendo a punto. Fidati, è una figata.», la...

Innovazione

Diciamolo, l’inchiesta che il WSJ ha ribattezzato “Facebook Files” è la scoperta dell’acqua calda, tutt’al più le rivelazioni di Frances Haugen sono l’ennesima conferma...

Politica

Pur con tutti i limiti e i contrasti ormai consegnati ai libri di storia, l’offerta politica del Centrodestra pre-Pdl e pre-social era piuttosto chiara,...