Connect with us

Hi, what are you looking for?

Privacy

I big data ci salveranno dal Coronavirus?

La tutela della privacy è scolpita nel DNA di Orwell e, sia pur con non poche difficoltà, sempre più gente ogni giorno comprende cosa significhi vivere costantemente “sotto controllo”. Oggi, però, l’emergenza si chiama Coronavirus e la grande mole di dati che le Big Tech companies raccolgono quotidianamente su ognuno di noi potrebbe essere utilizzata per debellare l’epidemia.

È possibile che i governi e i “grandi” del Web diano vita ad un’alleanza contro la minaccia globale che risponde al nome di COVID-19?

Insieme contro il Coronavirus

Mentre penso a come la tecnologia potrebbe guidare la lotta contro lo stramaledetto virus, la prima cosa che mi viene in mente è che i dati sono più potenti in presenza di altri dati: più completo è il set di dati, più abbiamo elementi da cui imparare. Ergo, si dovrebbe riuscire nell’impresa di mettere insieme quelli che si combattono ogni santo giorno per contendersi il mercato per creare qualcosa di straordinario: un database universale di informazioni personali e sanitarie.

Le opportunità

Se ricevessimo abbastanza informazioni dai motori di ricerca (tutti, non solo Google), sapremmo dove si ammalano le persone. Se avessimo abbastanza informazioni dai social network (tutti, non solo Facebook, Twitter e Instagram), sapremmo quando le persone iniziano a sentirsi male. Se potessimo disporre di un unico database delle informazioni sanitarie, sapremmo chi si stava ammalando e chi ha più o meno probabilità di ammalarsi.

I set di dati sarebbero enormi, ma popolerebbero strumenti predittivi che potrebbero essere utilizzati per dare ai governi e al personale medico avvertimenti e valutazioni del rischio molto più avanzati rispetto a quelli di cui dispongono attualmente.

Ciò consentirebbe normali attività commerciali fino al raggiungimento di un livello di rischio accettabile, superato il quale si attuerebbero misure preventive per proteggere le persone esposte al pericolo. Molte vite potrebbero essere salvate e l’economia subirebbe un impatto certamente minore.

I pericoli

Nessuno ha mai messo insieme una simile mole di dati in un unico database. Certo, per i malintenzionati diventerebbe subito una preda irresistibile: provate a immaginare il potere pressoché smisurato che darebbe l’accesso a quel database. Il vero e proprio sogno di qualsiasi esperto di marketing e di molte aziende che, ad esempio, potrebbero sfruttarlo per offrire un’assicurazione sulla vita a basso costo all’utente più sano e negarla a chi non è in salute, e fare la stessa cosa con mutui, prestiti bancari, carte di credito, alloggi, assicurazioni auto e così via. L’elenco è infinito.

Cosa dovremmo fare?

Questi dati esistono, è oggettivo. Attualmente, sono dislocati in una moltitudine di luoghi e database diversi, quasi in ogni angolo della Terra. Potrebbero essere uniti, analizzati, organizzati e utilizzati per salvare milioni di vite. D’altra parte, però, è evidente che l’esistenza di un simile database diventerebbe, un minuto dopo aver superato l’emergenza Coronavirus, una tentazione talmente grande da rischiare di tramutarsi in una sorta di buco nero capace di inghiottirci tutti quanti.

La vera sfida è l’anonimato

Esistono diversi modi per utilizzare questi dati mantenendone l’anonimato; siamo in grado, cioè, di estrarre le informazioni di cui necessitiamo cifrando le identità individuali: è chiaro che questo sarebbe uno dei punti più delicati e insieme più difficili da raggiungere (chi ha letto “Errore di sistema” di Edward Snowden sa a cosa mi riferisco).

Questa dovrebbe essere la grande occasione per riunire seriamente tutte le realtà che fanno innovazione ad alti livelli nel mondo, radunando professionisti IT e CEO per mapparne le competenze, sincronizzarle in un network e metterle nelle condizioni di sviluppare soluzioni tecnologiche da mettere al servizio dell’umanità.

Una Grande Alleanza, come in Independence Day

Come ho detto e scritto in svariate occasioni, ritengo che il Web debba tornare a essere il luogo veramente libero, ricco di informazioni e opportunità che era sostanzialmente fino all’avvento degli smartphone.

Da allora – correva l’anno 2007 – i nostri cervelli sono letteralmente bombardati da miliardi d’informazioni non filtrate e manipolate dai pregiudizi algoritmici di chi è riuscito nell’intento di monopolizzare i mercati di informazione e comunicazione fondendoli in un tutt’uno in cui verità e menzogna vengono scomposti e ricomposti a loro piacimento, con fini tutt’altro che benevoli. In tre parole: danaro, potere e controllo.

Ora, è evidente che un’operazione del genere dovrebbe presupporre una presa di coscienza da parte di tutte le parti in causa: dai leader mondiali, ai grandi player del Web che vedete nell’immagine di copertina, a chi (e sono tanti) trae vantaggio dal sistema che hanno creato. In buona sostanza bisognerebbe fare come nel film Independence Day, quando gli eserciti di tutto il mondo si coalizzarono per sconfiggere gli invasori alieni. Tutti uniti contro il Coronavirus.

Il problema è che a guerra vinta e crisi superata, a qualcuno passerà sicuramente per la testa di appropriarsi dell’arma di gran lunga più potente della storia dell’uomo che, come avrete certamente capito, non è l’atomica ma quella che controlla tutte le informazioni che ci riguardano.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy, è autore di 9 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Politicamente corretto

Nome: Democratici, Nickname: Hacker russi. In sintesi, è ciò che emerge dai Twitter Files divulgati da Elon Musk per mano del giornalista Matt Taibbi,...

Comunicazione

Nel libro “How to build the most valuable asset of any business”, Donald Trump spiega un concetto che ci aiuterà a interpretare la sua...

Innovazione

Entrando nella sede di Twitter con un lavandino in braccio, Elon Musk ha chiaramente emulato Marcel Duchamp per lanciare un messaggio molto netto: la...

Comunicazione

Altrimenti vincono le destre. Questo il refrain che Enrico Letta ripete dall’inizio della campagna elettorale con una convinzione tale da averne perfino fatto l’incipit...