Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

Sanders supera Biden e diventa primo

Che Bernie Sanders stesse andando bene era cosa nota. Che stesse andando così bene, non era così facilmente prevedibile.

Un sondaggio condotto per la CNN da SSRS vede il socialista del Vermont al primo posto con il 27% dei consensi contro il 24% di Biden. Molto più distaccati sia Elizabeth Warren (14%) che Pete Buttigieg (11%). Mike Bloomberg, fresco di esclusione dai dibattiti per sua scelta – non accetta donazioni dai privati come le regole in casa democratica prescrivono – si aggira intorno al 5%.

La vera novità del sondaggio, però, non riguarda solo la percentuale raggiunta da Sanders e il conseguente soprasso ai danni dell’ex VP Biden, bensì la crescita che il senatore del Vermont sta avendo in tutti i segmenti elettorali.

Tra i liberal, ad esempio, ottiene il 33% contro il 19% della Warren. Tra gli elettori di colore – vero problema di Sanders per vincere la nomination – raggiunge il 30% contro il 27% di Biden. Il 38% del totale si definisce “entusiasta” di una sua possibile nomination, mentre Biden e Warren, rispetto allo stesso sondaggio condotto a dicembre, perdono rispettivamente nove e dodici punti percentuali.

Inoltre, Sanders viene visto come il candidato – 29% – che meglio capisce e interpreta i problemi che affrontano gli elettori. Il 30% degli intervistati, infine, afferma di concordare con le questioni che Sanders affronta.

Il dato interessante è, senza dubbio, quello riscontrato fra gli elettori di colore. È cosa nota che Joe Biden sia il candidato più accreditato in quella parte di elettorato democratico. Qualora, però, a seguito dei primi quattro appuntamenti elettorali di febbraio, Sanders riuscisse a confermare per davvero questa percentuale nel super-martedì, potrebbe seriamente catapultarsi in testa alla corsa verso la nomination in casa democratica.

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

English

Wars, illegal immigration, declining purchasing power, and the dictatorship of political correctness are the evils, and Trump is the cure. This sentiment fuels a...

English

First, let’s take a step back. In 2016, Alessandro Nardone, needing to launch his latest novel in the United States, first imagined and then implemented...