Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Oltre Rousseau: la democrazia digitale è una sfida di tutti

Al netto delle considerazioni di natura politica, oggi intendo soffermarmi sul ruolo della Piattaforma Rousseau. Il leitmotiv di oggi, da destra a sinistra, suppergiù è «60mila iscritti al Movimento 5 Stelle impongono il governo a 60 milioni di italiani», affermazione che può avere una certa efficacia per manifestare dissenso, ma comunque fuorviante, poiché tutti sappiamo benissimo che in mancanza della votazione online di ieri, la decisione sulla nascita del nuovo governo sarebbe stata presa dai segretari dei partiti nel palazzo, non certo dal popolo.

Certo, mi rendo conto che possa essere spiazzante assistere alla sospensione delle Istituzioni in attesa del responso di una votazione su una piattaforma digitale, ma dovremmo tutti cominciare a domandarci se – nel 2019 – sia giusto sospendere un Paese in attesa delle Istituzioni. Badate bene, per Paese intendo tutte le attività collettive e individuali che in esso vengono svolte: a partire dalla famiglia fino alle grandi aziende, passando per scuole, municipi, ospedali, liberi professionisti, istituti religiosi, associazioni e ogni altra singola cellula di cui si compone il nostro tessuto economico e sociale. Attività che devono giocoforza misurarsi con le regole che la società di oggi impone, a partire proprio dal digitale che, badate bene, non significa soltanto informazione e social network, ma anche sistemi e tecnologie capaci di aumentare la competitività delle nostre aziende o di aiutare la ricerca scientifica, giusto per fare un paio di esempi.

È assolutamente fisiologico che a un Paese calato in una realtà fatta di Web, blockchain, criptovalute, intelligenza artificiale e algoritmi stia oggettivamente stretto un sistema basato su un’architettura istituzionale vetusta come la nostra. Così come è parimenti comprensibile che l’aumento della libera circolazione di idee e opinioni favorito dall’avvento di Internet determini una maggiore richiesta di spazi democratici realmente accessibili, in cui le persone possano concretamente riversare passione e impegno: partecipando, esprimendo opinioni o anche candidandosi a cariche elettive. Se questa domanda di partecipazione non verrà presto soddisfatta, dovremo rassegnarci al destino di popolo da allevamento alimentato con surrogati di democrazia che, anziché liberarlo, lo schiacciano e lo comprimono sempre di più nello spazio vitale di uno smartphone.

In questo senso Rousseau non è certo la scoperta dell’acqua calda, ma una piattaforma in cui sono stati digitalizzati molti dei processi che avvenivano negli scomparsi partiti tradizionali: confronto interno, partecipazione, scelta dei propri rappresentanti e possibilità di avanzare nella filiera, da semplice militante a parlamentare o addirittura presidente del consiglio.

A mio avviso, il vero problema non è tanto che lo stiano facendo la Casaleggio Associati, ma che non lo abbia ancora fatto nessun altro, lasciando al Movimento 5 Stelle l’esclusiva su una questione centrale quale è la democrazia digitale.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

11 settembre

In occasione del ventennale dell’11 settembre, ripropongo questo mio editoriale di due anni fa. Buona lettura, AN   Alzi la mano chi non rammenta...

Comunicazione

L’intervento di Alessandro Nardone durante la conferenza stampa per la presentazione di Winter Melody, l’evento di moda organizzato da Centergross Bologna, contestualmente al quale...

Politica

Sulle macerie delle Twin Towers avrebbe potuto germogliare un Occidente finalmente coeso in nome della propria identità e della difesa della libertà ma, a...

Comunicazione

È la polarizzazione, bellezza. Un fenomeno che a parole tutti combattono ma che, nei fatti, tutti alimentiamo. Il problema, in primis, è di comunicazione,...