Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

John McCain, un anno dopo

Il 26 agosto dello scorso anno ci lasciava John McCain. Il senatore dell’Arizona è stato un uomo delle istituzioni, un prigioniero di guerra, nonché candidato alla presidenza nel 2008.

Proprio nel 2008, dopo 25 anni fra Camera e Senato, vinse le primarie repubblicane e si candidò alla presidenza, perdendo, contro Barack Obama: che attaccò ferocemente sul piano politico ma non si abbassò mai a denigrarlo attraverso le fake news di coloro che sostenevano che l’allora senatore dell’Illinois nato alle Hawaii non era americano. In tanti nel partito repubblicano non gli perdonarono infatti di aver impedito ad una sua sostenitrice di definire Obama un “arabo musulmano”. “Lei si sbaglia signora” le tolse subito il microfono McCain. “Il mio avversario è un padre di famiglia, un americano per bene”.

Emblematico fu il funerale del Senatore: gli ex presidenti George W. Bush e Barack Obama tennero un elogio funebre degno di un collega, Donald J. Trump dalla Casa Bianca non batté ciglio, non disse una parola, si limitò solo a qualche osservanza religiosa come spetta agli uomini che hanno servito e reso l’America grande./blockquote>

Da allora, sia per chi era un avversario di McCain, sia per chi era un suo leale amico, l’aula del Senato è apparsa più buia, meno guidata, come se il senso delle istituzioni avesse deciso di andare via. Emblematico è Lindsey Graham, il senatore in cerca di rielezione della Carolina del Sud nel 2020, appare ogni giorno meno sicuro, da quando McCain è morto.

Il suo seggio, in 365 giorni, è passato da Jon Kyl a Martha McSally (che ha perso l’elezione per il seggio di Jeff Flake), concedendo l’ambizione ai democratici di puntare un seggio che da 30 anni portava un solo nome. Probabilmente il governatore dell’Arizona Doug Ducey, visto che non è possibile lasciare vuota quella sedia, per rendere onore ad un servitore dello Stato, avrebbe dovuto nominare la moglie Cindy. Solo allora, forse, avrebbero realmente omaggiato un uomo che manca alla politica ma di più al popolo americano.

in collaborazione con la pagina Elezioni USA 2020
Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

English

When I decided to go to Kyiv to report on Volodymyr Zelensky‘s electoral campaign, some of my collaborators raised their eyebrows. I could understand...

Politica

Quando decisi che sarei andato a Kiev per realizzare un reportage sulla campagna elettorale di Volodymyr Zelensky, alcuni dei miei collaboratori strabuzzarono gli occhi....

POLITICA USA

Quelli che ci hanno fatto un mazzo così con la storia che Trump fosse una marionetta nelle mani di Putin dovrebbero avere la decenza...

POLITICA USA

Lungi da me voler riaprire la pentola a pressione delle polemiche sul risultato delle ultime elezioni presidenziali americane, la riflessione sintetizzata nel titolo è...