Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

La dirigente di Google: «Non permetteremo a Trump di vincere ancora»

New York – Cominciamo dalla fine: questa storia dovrebbe far riflettere chi crede che dovremmo rassegnarci placidamente a far cullare le nostre opinioni dagli algoritmi delle grandi compagnie del Web, poiché si tratta di un esempio lampante di come vengano utlizzati per manipolarci. Ma veniamo ai fatti. Due giorni fa il sito di Project Veritas – associazione che fa capo a James O’Keefe – ha pubblicato un video che riprende un’importante dirigente di Google, Jen Gennai, dire che «nel 2016 siamo stati tutti fottuti: noi, la gente, i giornali. Tutti fregati» e che, quindi, «stiamo lavorando sui nostri algoritmi per evitare che Trump possa essere confermato».

Ora, è evidente che trattandosi dell’odiato Trump praticamente nessuno si stia stracciando le vesti e che, al contrario, molti di quelli che tre anni fa persero la faccia perché spergiuravano che avrebbe vinto la Clinton, si staranno fregando le mani. Peccato che, pur di veder soccombere il loro acerrimo nemico, quello che loro considerano un errore della storia, non si rendono conto che stanno sostenendo quello stesso sistema che ha letteralmente demolito il mondo dell’editoria. Cioè il loro.

Chi di algoritmo ferisce di algoritmo perisce, verrebbe da dire.

«Altro che Putin, sono Google e Facebook a manipolare le elezioni», ha dichiarato Trump nel corso di un’intervista a Fox News, non escludendo che «gli Stati Uniti faranno loro causa». Se queste sono le premesse, chi pensava di aver già visto tutto con la campagna elettorale del 2016, dovrà presto ricredersi. Rock’n’roll!

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...

Newsroom

Parole, quelle di Trump, che tracciano i contorni di un’identità, che spronano a dare sempre il massimo, che ci indicano che una strada esiste...