Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

Andrew Yang, il criptocandidato che vuole il reddito di cittadinanza

I genitori sono arrivati in America dal Taiwan e Andrew, che ha fondato una no-profit per aiutare i giovani imprenditori e le loro start-up, ha deciso di investire una parte consistente del proprio tempo nonché delle sue disponibilità economiche, per candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti. In dichiarata antitesi con Trump, il suo programma è fondato sulla guerra senza quartiere ai robot “che stanno rubando il lavoro agli americani”, proponendo una sorta di reddito di cittadinanza a stelle e strisce quantificato in 1000 bigliettoni verdi da versare mensilmente ad ogni americano a partire dal compimento del diciottesimo anno di età, in modo tale che possano far fronte alle spese di tutti i giorni mentre i robot lavorano al posto loro.

Età: 44 (in politica da meno di un anno)

Sito web: www.yang2020.com

Slogan: Humanity first.

Followship: Twitter 747k – Facebook 178k – Instagram 340k

A chi piacerà: Intellò radical chic e qualcuno della Silycon Valley

A chi no: Chiunque sia contrario a qualsiasi aumento delle tasse

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy, è autore di 9 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Politicamente corretto

Nome: Democratici, Nickname: Hacker russi. In sintesi, è ciò che emerge dai Twitter Files divulgati da Elon Musk per mano del giornalista Matt Taibbi,...

Comunicazione

Nel libro “How to build the most valuable asset of any business”, Donald Trump spiega un concetto che ci aiuterà a interpretare la sua...

Innovazione

Entrando nella sede di Twitter con un lavandino in braccio, Elon Musk ha chiaramente emulato Marcel Duchamp per lanciare un messaggio molto netto: la...

Comunicazione

Altrimenti vincono le destre. Questo il refrain che Enrico Letta ripete dall’inizio della campagna elettorale con una convinzione tale da averne perfino fatto l’incipit...