Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

Vi racconto Mike Pence, il candidato vice che i repubblicani preferiscono a Trump

Personalmente, ho avuto modo di conoscere Pence lo scorso 19 luglio a Cleveland, in occasione di un incontro a porte chiuse organizzato dall’American Conservative Union Foundation, una potente organizzazione di area repubblicana vicina alla NRA.

di Alessandro Nardone – Sul fronte americano, l’uomo del giorno è certamente Mike Pence. Infatti, il governatore dell’Indiana e candidato vice di Trump, ha messo d’accordo analisti e addetti ai lavori sulla sua vittoria nel dibattito andato in scena martedì notte, nel quale ha nettamente prevalso sul running mate di Hillary Clinton, Tim Kaine.

Personalmente, ho avuto modo di conoscere Pence lo scorso 19 luglio a Cleveland, in occasione di un incontro a porte chiuse organizzato dall’American Conservative Union Foundation, una potente organizzazione di area repubblicana vicina alla NRA.

In quella circostanza riconobbi in Pence un politico dall’ottima capacità oratoria, capace di scaldare il cuore a una platea evidentemente poco entusiasta della nomination appena ottenuta da Donald Trump.

«Su internet troverete una mia vecchia immagine, in cui probabilmente avevo l’età che oggi ha mio figlio, che mi ritrae insieme al Presidente Reagan – esordì nel suo intervento – conoscevo Reagan, conosco l’uomo Trump e conosco il suo cuore. E fidatevi se vi dico che lui mi ricorda in tutto e per tutto Ronald Reagan».

Pence ha poi continuato definendo Trump «un costruttore e un combattente, un padre e un patriota. Sarà un grande presidente degli Stati Uniti d’America, perché il suo cuore batte con il cuore del popolo americano».

Nonostante la vicinanza all’acerrimo rivale Ted Cruz, Trump ha scelto Pence come suo compagno di ticket preferendolo al repubblicano di ferro Newt Gingrich, a detta di molti per compiere un ulteriore passo verso l’unità del partito, sfruttando la sua popolarità tra l’elettorato conservatore, soprattutto tra coloro che sostennero altri candidati durante la battaglia senza esclusione di colpi delle primarie repubblicane.

Paradossalmente, più che sul sostegno a Trump, i repubblicani sono uniti dall’avversione che nutrono nei confronti di Hillary Clinton: va da sé che, nell’immaginario conservatore, a maggior ragione dopo l’ottima performance di martedì notte, il candidato ideale sarebbe proprio Pence, e non la variabile impazzita Trump.

«Il suo nome dovrebbe stare nella parte superiore del ticket» ha dichiarato a Politico lo stratega della Pennsylvania Charlie Gerow, mentre secondo Michael Caputo, ex membro dello staff della campagna del magnate newyorkese «Trump dovrebbe farsi aiutare da Pence a prepararsi per prossimi due dibattiti con Hillary».

L’arrivo di Pence a Cleveland:

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Advertisement Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

English

Following the recent jury verdict against former President Donald Trump, Alessandro Nardone, renowned author and strategic marketing consultant, predicts a triumphant return to the White House...

English

Giorgia embodies the authentic spirit of Italy, the belief in her people’s simple dreams, made up of the little everyday miracles. Tucking our children...

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...