Connect with us

Hi, what are you looking for?

POLITICA USA

“Clinton Cash”: in uscita il libro che può inguaiare Hillary

Il ruolo di Hillary Clinton come Segretario di Stato ha avuto un impatto diretto sugli interessi commerciali del magnate canadese Frank Giustra – un «amico di Bill», nonché tra i principali donatori della Fondazione Clinton – che ha beneficiato del sostegno dell’ex First Lady ottenendo, nel 2011, un accordo sul libero scambio. Questa la teoria sostenuta da un libro che, pur non essendo ancora uscito in libreria, sta già facendo parlare molto di sé.

L’autore è il conservatore Peter Schweizer, e il titolo non lascia spazio a interpretazioni: “Clinton Cash: la storia mai raccontata di come e perché i governi e le imprese straniere contribuiscono a rendere ricchi Bill e Hillary”; volume che potrebbe rivelarsi come un colpo micidiale ai danni dell’immagine di Hillary, già non propriamente “di bucato”.

L’uscita è prevista per il 5 maggio e, con il passare dei giorni, nei corridoi frequentati dagli addetti ai lavori si parla sempre più insistentemente degli effetti dirompenti che sarebbe in grado di scatenare la pubblicazione di una documentazione che dimostrasse incontrovertibilmente i vantaggi economici ricevuti dalla fondazione della famiglia Clinton – si parla di 2 miliardi di dollari – nel corso dei quattro anni in cui Hillary è stata a capo del Dipartimento di Stato.

Quanto al sostegno ricevuto da Giustra, lo staff della Clinton si è affrettato a diffondere una nota con cui spiegano che: «L’accordo era una priorità dell’amministrazione Obama, e le dichiarazioni dell’allora Segretario di Stato Clinton a sostegno della transazione riflettevano la posizione dell’intera amministrazione.»

Written By

è consulente di marketing strategico, keynote speaker e docente di branding e marketing digitale all’International Academy of Tourism and Hospitality. È stato inviato di «Vanity Fair» negli Stati Uniti per seguire Donald Trump, a Kiev per la campagna elettorale di Zelensky, collabora con diversi media ed è autore di 10 libri. Nel 2016, per promuovere la versione inglese de Il Predestinato ha inventato la sua finta candidatura alle primarie repubblicane sotto le mentite spoglie del protagonista del romanzo, il giovane Congressman Alex Anderson. Una case history di cui si sono occupati i principali network di tutto il mondo.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

In questa intervista racconto la strategia alla base del progetto di comunicazione di Centergross: media relations, relazioni istituzionali e brand journalism hanno fatto sì...

Comunicazione

Ho chiesto a Microsoft Copilot di raccontare la mia candidatura fake del 2016, ecco cosa ha scritto: Nel 2016, in piena campagna elettorale per...

POLITICA USA

Chiunque si ostini ad affermare che Haley sarebbe ancora in corsa ignora o finge di non sapere che il New Hampshire fosse, per lei,...

English

This is what the journalist, writer, and communication expert Alessandro Nardone, who gained worldwide fame during the 2016 American Presidential elections, says. “The Alex...