Connect with us

Hi, what are you looking for?

Privacy

Datagate, l’obiettivo è condizionare i nostri comportamenti

Da quando ho pubblicato Il Predestinato, che pure è un romanzo, ricevo quotidianamente messaggi di persone che, dopo averlo letto, mi domandano se la sorveglianza a cui veniamo sottoposti dall’NSA sia davvero così ferrea, o se sia stato io ad ingigantirne la portata in funzione della trama. Sono increduli. D’altra parte, quella emersa dalle rivelazioni di Edward Snowden, è una verità estrema a tal punto da confondersi con la fiction. Anzi, direi che ci va a braccetto, non a caso, degli accostamenti con quanto scrisse – nel ’48 – George Orwell nel suo 1984, abbiamo letteralmente perso il conto.

Una cosa è certa: chiunque realizzi di essere potenzialmente sotto controllo, viene inconsciamente pervaso da un’emozione che si rivela come un’arma forse ancor più potente delle intercettazioni stesse: la paura. Di essere spiati, puniti, di compromettere la propria reputazione.

Quando le persone sanno di essere controllate, tendono a mutare il proprio comportamento, nella stragrande maggioranza dei casi a tal punto da evitare perfino di esprimere la propria opinione in pubblico. Di fatto, limitare la privacy equivale ad una limitazione della libertà di scelta divenendo, di conseguenza, un vero e proprio moltiplicatore di ansia e stress, con il risultato di un notevole peggioramento della qualità di vita.

In fin dei conti la realtà è che se l’NSA decidesse di spiare uno di noi potrebbe tranquillamente farlo, ma non è detto che lo stia facendo perché neppure loro, con i mezzi che hanno a disposizione, potrebbero intercettare le conversazioni di tutti contemporaneamente. Lo strumento di potere sta nel creare la consapevolezza che ciò che diciamo o facciamo potrebbe essere intercettato spingendoci, così, ad assumere comportamenti quanto più uniformi ai dettami che vengono calati dall’alto.

Come riportato anche da Glenn Greenwald nel suo “Sotto controllo”, in “Sorvegliare e punire”, il filosofo francese Michel Focault spiega che una sorveglianza onnipresente porta le persone ad interiorizzare i propri sorveglianti, spingendole a seguire la strada tracciata in maniera pressoché automatica. Sempre secondo Focault, tale principio (vedi alla voce panoptismo) è tra i fondamentali di ogni Stato moderno.

Non è certamente un caso, infatti, se nel vocabolario di politica ed economia sono entrati di gran carriera termini come nudging (significato letterale “spinta gentile”) e anticipatory computing; ma di questo parleremo un’altra volta; adesso mi è venuta voglia di spegnere il computer e di andare a farmi una passeggiata all’aria aperta, nel “mondo reale”. Chissà perché…

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

INCHIESTA SULLA CINA

L’Occidente è sempre più sottomesso alla Cina. Lo siamo a tal punto che riusciremmo a giustificarli perfino se domattina sganciassero l’atomica su Washington: per...

Alex

«Ale, quando vieni a casa mia? Vorrei farti un ritratto con una nuova tecnica che sto mettendo a punto. Fidati, è una figata.», la...

English

Freedom is not a goal, but a direction For a long time now, I’ve wanted to write to you, but found myself unable. Not...

Innovazione

Diciamolo, l’inchiesta che il WSJ ha ribattezzato “Facebook Files” è la scoperta dell’acqua calda, tutt’al più le rivelazioni di Frances Haugen sono l’ennesima conferma...