Connect with us

Hi, what are you looking for?

TgPop

TgPop: Visco e i fondi UE

Ha ancora finito di trasudare ottimismo che il governatore della Banca d’Italia, glaciale come al solito, lo stronca.

Conte accenna alla “rimodulazione dell’iva”? E Visco fa “sì” con la testa ma poi ribatte: “serve una riforma complessiva del fisco” e “non bisogna intervenire imposta per imposta”. Conte dà per fatta una generica -e ottimistica- riduzione delle tasse, anzi? Ecco che visco torna all’attacco con un suo cavallo di battaglia: il tema della “grande dimensione dell’evasione, dell’illegalità e della criminalità organizzata”, come dire: una cosa per volta, prima prendiamo gli evasori…

 

Conte discute delle necessità imprescindibile di pagare il master alle “aspiranti donne manager”? Visco, un po’ più prosaico, avvisa che la coperta è corta e il pil -che cadrà attorno al 10%- pure. Poi c’è la questione dei fondi europei, il bazooka di circa 1350 miliardi dalle diverse bocche di fuoco (mes, bei, sure, pepp, recovery fund e tutti gli altri…). Conte è entusiasta della pioggia di soldi dall’elicottero? Visco raffredda i bollori, avverte che quei soldi non ce li danno gratis, che “i fondi europei andranno pagati. Resterà su di noi il pagamento e per questo devono essere spesi bene in infrastrutture, e progetti utili senza perderli in rivoli”. E si fa due conti, banali, quelli delle serva: i soldi che ci danno a bruxelles li spendiamo poco e male. L’italia, dopo la polonia è il secondo paese ad aver ricevuto più risorse: 75 miliardi, così distribuiti: 33 miliardi (44,6%), destinati al fondo europeo di sviluppo regionale (fesr); 21 miliardi (27,8%) per il fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale; 17 miliardi (23,1%), destinato al fondo sociale europeo; 2 miliardi, (3,1%) per il programma operativo per l’occupazione giovanile e infine quasi un miliardo (1,3%) per il fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.

Alla fine dello scorso anno avevamo speso il 35% dei fondi (26 miliardi), mentre il 73% (54,6 miliardi) era stato allocato – la media europea è dell’85%. Peggio di noi solo spagna (33% spesi, 71% allocati) e lussemburgo (59% spesi, 69% allocati). Gli anni prima, l’abisso: l’italia, a fine 2017, era riuscita a spendere solo il 9% dei 75 miliardi di fondi ue e cofinanziamenti nazionali cui ha diritto per il periodo 2014-2020; con sprint finale, nel 2019 ha utilizzato il 23% delle risorse e a destinarne il 68%. Ad oggi mancano all’appello ancora 38 miliardi di fondi di coesione che sono comunque già allocati.

Continua a leggere

Written By

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Centergross di Bologna, il polo del pronto moda nel capoluogo bolognese, ha portato in passerella una quindicina di marchi per presentare le tendenze autunno-inverno...

Politica

Sulle macerie delle Twin Towers avrebbe potuto germogliare un Occidente finalmente coeso in nome della propria identità e della difesa della libertà ma, a...

Politica

In attesa di tornare alle urne per eleggere – si spera – una maggioranza in grado di formare un governo espressione della volontà popolare,...

Innovazione

L’eCommerce e il digitale hanno avuto un ruolo fondamentale nel contenere il crollo degli scambi commerciali tradizionali, che in seguito all’emergenza Covid19 sono calati...