Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Libertà non è rassegnazione

«Il popolo si abitua a tutto» è una delle frasi più ricorrenti delle ultime settimane: un concetto che in molti riprendono per constatare che noi italiani non protestiamo mai. Per intenderci: cos’altro deve accadere perché la gente faccia sentire la sua voce?

Perché nessuno prende posizione neppure di fronte alla “discutibile” (eufemismo) gestione della crisi, agli aiuti promessi e in troppi casi non ancora arrivati, all’affossamento dell’economia, alla sospensione della libertà, a mille regole scritte affinché non siano capite e all’ennesimo 2 di picche rimediato in Europa?

Una questione sempre attuale in un paese mediamente malgovernato come l’Italia, che oggi diventa di una centralità assoluta, soprattutto se pensiamo che ci sono voluti ben 2 mesi prima che una parte delle opposizioni (Fratelli d’Italia e Lega) si svegliassero dal letargo e cominciassero a fare il loro mestiere prendendo finalmente posizione contro uno dei governi peggiori dell’intera storia repubblicana.

Eppure, nonostante tutto, la maggioranza degli italiani si ostina a crogiolarsi sotto al piumone della compagine guidata da Giuseppe Conte, senza rendersi conto che in realtà si tratta di coperta di nulla distesa sopra a un letto di parole. Avete presente la scena del letto in Totò e Peppino divisi a Berlino? Ecco.

A proposito di scene esplicative del concetto, ce n’è una che fa al caso nostro nel Nerone di Ettore Petrolini, quando si rivolge a Poppea che lo invita a persuadere il popolo arrabbiato con lui perché aveva incendiato Roma «sta bene, parlerò al popolo, ma non mi lasciate solo […] il popolo è ignorante, vò li quatrini…».

Dopodiché attenzione, perché le similitudini sono addirittura disarmanti: «stupida, ignobile plebaglia! Così ricompensate i sacrifici fatti per voi? Ritiratevi, dimostratevi uomini e domani Roma rinascerà più bella e più superba che pria…», a quel punto la voce del popolo comincia ad acclamarlo, interrompendolo con un «bravo!» qualsiasi parola egli pronunciasse.

«È piaciuta questa parola… pria… il popolo quando sente le parole difficili si affeziona […] Lo vedi all’urtimo com’è il popolo? Quando si abitua a dire che sei bravo, pure che nun fai gnente, sei sempre bravo!»

Vi ricorda qualcosa?

Considerate che la commedia fu scritta dallo stesso Petrolini nel 1917, che 13 anni più tardi ne fece il film di cui vi proponiamo la scena qui sotto.

Ora, è evidente come l’intenzione fosse quella di fare il verso alle tecniche affabulatorie dei governantti di turno, sempre pronti a mistificare la realtà approfittando, così, dell’ingenuità della massa, che nonostante l’evidenza dei fatti sarà sempre lì, pronta a gridargli un bel «bravo!».

Dall’imperatore al conte il passo è breve, speriamo solo che la sua deposizione arrivi prima che Roma finisca di bruciare.

Written By

Consulente di marketing digitale, docente alla IATH Academy e allo IED, è autore di 7 libri. È stato inviato di Vanity Fair alle elezioni USA dopo aver fatto il giro del mondo come Alex Anderson, il candidato fake alle presidenziali americane del 2016.

Articoli che potrebbero interessarti

Comunicazione

Altrimenti vincono le destre. Questo il refrain che Enrico Letta ripete dall’inizio della campagna elettorale con una convinzione tale da averne perfino fatto l’incipit...

Politica

Da settimane Giorgia Meloni subisce gli attacchi più disparati, non solo in merito alle proposte politiche ma anche sul piano piano personale. Una campagna...

Politica

Dal Governo De Gasperi II – che fu il primo dell’Italia repubblicana – a oggi si sono susseguiti 67 governi in 76 anni, con...

Politica

La realtà è che la sinistra italiana è costretta a voltarsi continuamente indietro perché non ha mai voluto guardare avanti. Tutti, dai politici all’intellighenzia...